mercoledì 11 giugno 2014

Un viaggio in moto con Doctorharley – Genesis in Val Venosta.


Viaggiatrice: Genesis Murillo Varas, 20 anni... 



 
Genesis non aveva mai fatto un viaggio in moto.. Beh, certo, il giretto per andare a prendere l'aperitivo oppure la gita al lago, ma non aveva mai affrontato la distanza, le montagne, i tornanti, tutte quelle cose che in fondo danno l'idea del viaggio in moto.

 
 

Ed allora quale meta migliore delle montagne dell'Alto Adige per farle vivere questa prima esperienza? A Genesis abbiamo proposto la risalita della Val Venosta, che a maggio si presenta con i meleti già verdi ma con le cime delle montagne ancora innevate .. Ha accettato, e l’ha vissuta con noi.

 

 

Partenza da Merano, si risale l'Adige e già le prime visioni caratteristiche si presentano: edicole votive a Lagundo, per testimoniare il profondo senso religioso delle popolazioni di montagna, il ponte coperto, rigorosamente in legno, che scavalca l'Adige a Forst.. e poi su in Val Senales, per scoprire che molte cose sono rimaste immutate.                                            



Lagundo


 



Forst





Può apparire strano vedere, in Val  Senales, una vecchia teleferica ancora usata per trasportare a valle il latte dei masi di alta montagna, quasi sepolta in mezzo al verde eppure del tutto funzionante!







Sarebbe stato bello far conoscere a Genesis la regina delle salite motociclistiche, il tanto venerato Passo dello Stelvio, ma data la stagione il passo era ancora chiuso e Genesis si è dovuta limitare a guardare incantata, dal basso, le cime dell'Ortles.




In riva all'Adige



La magia romantica delle mura medioevali di Glorenza, la più piccola città dell'Alto Adige, ha illuminato lo sguardo della nostra amica, ormai entrata in piena sintonia con il mezzo meccanico.





Di proposito avevamo scelto una moto agile e leggera come lo Sportster,  per quanto agile e leggera possa essere una Harley Davidson.





La sella sportiva non ha però creato problemi al fisico snello di Genesis, il cui sorriso diventava sempre più smagliante con il passare dei chilometri.



Le acque smeraldo del lago di Resia da cui si erge il campanile di Curon Venosta sono uno scenario fotografico incomparabile, e ben volentieri Genesis si fonde con esso.







Il lago ed i prati fioriti sopra Malles  pare abbiano definitivamente conquistato Genesis.




Fiori colorati ed acque gelide, tipico abbinamento alpino...




Eccola già pronta per un nuovo viaggio verso una nuova meta: buona strada, Genesis!



Dati tecnici dell'itinerario

Luogo di partenza: Merano (325 m. slm.)

Luogo di arrivo Curon Venosta – Lago di Resia (1.520 m. slm.)

Distanza percorsa: circa 80 chilometri  - dislivello superato circa 1.200 metri

Moto utilizzata: Harley-Davidson Sportster 1200 Custom del 2009, in versione biposto.

Credits

Il make-up di Genesis è stato curato da Make Up Brothers - Bolzano / Merano
(http://facebook.com/makeupbrothers)

Doctorharley ringrazia, per l'amichevole partecipazione ed il prezioso lavoro di "backstage", la talentuosa fotografa Cristiana Viezzi.

1 commento: