giovedì 10 agosto 2017

Alto Adige-Sud Tirolo in moto: Val d’Ega (Nova Ponente e Monte S.Pietro)




Siamo abituati ad associare la Val d’Ega ai ripidi canyon che si attraversano salendo da Bolzano, questa volta abbiamo invece scelto di arrivarci da sud, con un itinerario alquanto diverso.



Abbiamo infatti seguito la strada che, staccandosi dalla SS48 “delle Dolomiti”,  unisce Montagna ad Aldino e poi sale a Monte S.Pietro ed al Santuario di Pietralba.





Superata  Nova Ponente, si scende lungo le strette pareti scavate dal Rio  Nero , fino a Ponte Nova dove ci si collega con la strada di fondo valle.





La strada è molto ben tenuta, con pochi e morbidi tornanti in salita verso Aldino. Le curve sono ben disegnate, e più che alla velocità invitano ad ammirare il paesaggio.






Si tratta di una breve itinerario, facile e gradevole, che alterna tratti molto panoramici con altri immersi in fitti boschi: qui l’industria del legname è una importante risorsa.





Soprattutto nei dintorni di Ponte S. Pietro, Petersberg nell’idioma locale, c’è una piacevole opportunità: tante stradine, sia asfaltate sia di buono sterrato, si addentrano fra i boschi ed i campi, ma qui sono quasi tutte percorribili: solo in pochi casi incombe il  funesto cartello di divieto, così poco amato dai mototuristi!







Un’altra costante del territorio altoatesino, che qui si evidenzia in modo particolare, è la religiosità. Alle consuete chiesette ed edicole votive ed agli svettanti campanili, si aggiunge a Pietralba la maestosa mole del Santuario, visitatissimo in ogni periodo dell’anno.






Altrettanto maestosamente divine, le Dolomiti, che sul versante nord possono essere ammirate in tutto il loro splendore. 




Il breve tratto ora descritto, si presta bene ad essere collegato ai vicini passi, tutti facilmente raggiungibili: da Ponte Nova, si può proseguire verso passo Lavazè, oppure raggiungere il lago di Carezza e da lì scegliere se andare verso nord, dal Passo Nigra, oppure scollinare in Trentino dal passo di Costalunga. Dall'altro lato, la statale 48 delle Dolomiti offre solo l'imbarazzo della scelta...


Nessun commento:

Posta un commento